Sperimentazione nuova viabilità parco di Villa Sciarra

Ieri martedì 8 ottobre 2013, il Comune ha invitato i rappresentanti del Comitato dei Genitori, la dirigente scolastica e la direttrice dei servizi generali amministrativi dell’Istituto Comprensivo di Frascati (Via Don Bosco), per illustrare un nuovo piano di gestione della viabilità e dei parcheggi all’interno del parco di Villa Sciarra.

All’incontro erano presenti per il comune di Frascati, il sindaco Stefano Di Tommaso, l’assessora Armanda Tavani, il consigliere comunale Franco D’Uffizi, la dirigente del III settore Maria Grazia Toppi, per la scuola la D.S. Paola Felicetti e la D.S.G.A. Giovanna M. Ruberto, per il comitato dei genitori, il presidente Luca Giarratana, Filippo Foti, Gianluca Mariotti e Matteo Quintiliani.

Il consigliere D’Uffizi ha illustrato i nuovi criteri che verranno applicati in via sperimentale a partire dal prossimo lunedì 21 ottobre 2013 per un periodo di qualche settimana, al termine del quale si valuteranno i benefici prospettati, anche in funzione di possibili ricadute positive sulla viabilità circostante su Via Don Bosco e Via Fontana  Vecchia, e le eventuali nuove criticità che potranno venire a crearsi.

In attesa di comunicazioni ufficiali, anticipiamo qui di seguito i punti salienti della nuova regolamentazione sperimentale al fine di rendere partecipi tutti prima della loro attuazione.

Viabilità

  • Il sottopassaggio (il “tunnel”) che permette l’accesso al giardino brecciato di Villa Sciarra sarà esclusivamente pedonale.
  • Gli scuolabus transiteranno, tramite un opportuno percorso circolare, nel piazzale antistante il cancello del sottopassaggio.
  • I bambini che usufruiscono del servizio di scuolabus saranno accompagnati dal personale assistente dal sottopassaggio fino all’entrata della scuola. Viene raccomandato a tutti di dare precedenza e facilitare il passaggio dei bambini dello scuolabus e di non sostare a lungo nel sottopassaggio.
  • A tutti gli altri pedoni, dopo essere entrati dal primo cancello d’accesso al piazzale superiore, verrà richiesto di raggiungere il sottopassaggio tenendosi sulla sinistra del piazzale, così da non incrociare gli scuolabus in manovra.
  • Potranno accedere al piazzale superiore solo i veicoli, oltre che con opportuno permesso comunale, con all’interno bambini o accompagnatori con difficoltà di deambulazione.

Parcheggi

  • I parcheggi dopo la curva dell’aula Nanomondo saranno destinati ai veicoli del personale che lavora nei plessi di Villa Sciarra (Infanzia, Primaria e Secondaria di secondo grado), identificati da un opportuno contrassegno.
  • Il parcheggio adiacente la segreteria sarà accessibile a tutti. Attenzione: chiusura prevista ore 17:00.
  • Nel piazzale superiore saranno disponibili 4 posteggi con contrassegno invalidi.

Come comitato dei genitori ci siamo resi disponibili a cooperare, innanzitutto sperando che tale sperimentazione riesca effettivamente ad offrire un maggior benessere diffuso, ma soprattutto rimanga finalmente da esempio di come le risoluzioni dei problemi dovrebbero essere affrontate, ovvero attraverso il confronto e la collaborazione delle parti.

Per concludere, i rappresentanti del comitato dei genitori saranno i portavoce ufficiali di eventuali suggerimenti migliorativi o critiche funeste. Rimaniamo quindi in attesa di vostri commenti in quest’articolo oppure all’indirizzo e-mail ccg@scuolattivamente.org .

Scuolabus a Villa Sciarra e sicurezza: missione impossibile?

Venerdì 1 Giugno 2012 si è riunita l’Assemblea dei Genitori del circolo didattico, per discutere principalmente del problema della sicurezza relativa al transito degli scuolabus sotto al tunnel attraverso il quale si accede nel cortile interno del plesso di Villa Sciarra.
Qui è possibile leggere il resoconto dell’Assemblea.
Tutte le proposte avanzate, quella della cooperativa La Goccia, quella di alcuni genitori e quella del Consiglio del Comitato Genitori, potranno essere discusse, integrate e migliorate nel Forum, nella discussione relativa.
Terminato un periodo di discussione, effettueremo una votazione e la proposta finale sarà portata ad una riunione in Comune, con, speriamo, tutti gli enti interessati.