Noi quelli della Commissione Mensa

Cari genitori,

siamo cinque genitori VOLONTARI che ad inizio anno ci siamo candidati per ricoprire l’incarico di membri della Commissione Mensa. In quattro rappresentiamo Villa Sciarra materna ed elementari, uno solo di noi rappresenta Vanvitelli. Siamo tre mamme e due papà, ognuno con le proprie vite rese vivaci da lavoro e figli!

Abbiamo voluto metterci in gioco e partecipare ancora più attivamente alla vita scolastica dei nostri figli e vedere come e dove mangiano.

Come Commissione siamo regolati da un “PROTOCOLLO OPERATIVO” che cerchiamo di seguire scrupolosamente. Questo Protocollo recita: “La C.M. è essenzialmente un organo di controllo propositivo e non esecutivo e svolge un ruolo di collegamento tra utenza ed Amministrazione comunale facendosi carico di riportare le diverse istanze che pervengono dall’utenza stessa.

Per svolgere tale compito, controlliamo senza preavviso i locali della refezione, circa due volte a settimana, i plessi di nostra competenza: Villa Sciarra materna ed elementari; Villa Muti; Vanvitelli. I controlli vengono effettuati con l’assaggio delle pietanze che sono somministrate ai bambini. Controlliamo le date di scadenza, ci informiamo sugli ingredienti utilizzati e sulla modalità di preparazione, verifichiamo che i prodotti utilizzati siano biologici come specificato nel capitolato di appalto. Ci siamo anche incaricati di fornire e raccogliere dei moduli che sono stati messi a disposizione delle insegnanti, per segnalare eventuali irregolarità nei pasti. Questi moduli servono, a noi membri in fase di riunione mensile con l’Amministrazione comunale, per testimoniare ciò che non viene gradito dall’utenza.

Dopo questi primi 5 mesi di attività, il bilancio che ci sentiamo di redigere è sostanzialmente positivo. Il servizio erogato è buono; il personale è cortese e molto disponibile, tutto è pulito e ordinato.

Alcune critiche sono state riportate verbalmente ad alcuni membri della Commissione Mensa, riguardanti la scarsa quantità delle porzioni e la scarsa varietà del menù.

Il menù viene preparato e siglato dalla ASL, prendendo in considerazione il giusto equilibrio alimentare da proporre ai bambini. Cambiarlo non è semplice ed immediato.

Laddove ci sono state delle problematiche riportate dalle insegnanti attraverso i moduli che ci hanno presentato, siamo riusciti ad ottenere piccole modifiche, ad esempio i fagioli in contorno sostituiti dai piselli; il merluzzo è stato sostituito con altro pesce che presenti meno rischio spine.

Per evitare “voci incontrollate” o “inutili allarmismi” generati anche dal timore di un ambiente che non si conosce, invitiamo tutti i genitori a parlare con noi, lavorando insieme, per cercare di migliorare concretamente le cose.

E’ possibile visionare il capitolato del servizio mensa, con gli ingredienti e le grammature da somministrare ad ogni pasto, sul sito del Comune di Frascati al seguente link: bando_refezione_scol_2010_integr.zip

Commissione Mensa
e-mail: commissionemensa [at] scuolattivamente.org

Fulvia Bartolomucci
Salvatore Calì
Dominga D’Ambrosio
Marco Farina
Jlenia Timperi

Commesso Viaggiatore – I guardiani della Torre di Londra

“Commesso Viaggiatore” è una idea della nostra maestra Loredana che ha voluto creare insieme a noi un modo per rappresentare i libri che leggiamo.

 Il nome ricorda quello di un venditore che viaggia tra i libri.

 La cosa bella di questa iniziativa è che impariamo ad esprimerci davanti a un pubblico (la nostra classe) e a collaborare tra di noi.

 CHE FATICA!!! La maestra mica ci aiuta!!!

Lo facciamo da soli riunendoci insieme agli amici, durante la ricreazione oppure a casa.

 

Noi rappresentiamo “I guardiani della Torre di Londra”

 

Il libro parla di tre ragazzi che diventano amici.

I protagonisti sono:

Forrest, il guardiano dei corvi

Ned, l’acchiappa ratti

Maddy, figlia di un ribelle scozzese

Infine:

Tuk, il corvo di Forrest

 

La storia si svolge nella torre del castello di Londra.

Un giorno, nella ordinata e un po’ troppo tranquilla esistenza di Forrest appare Maddy, la giovane figlia di un ribelle scozzese condannata a morte dalla Corona. Per salvarle la vita, Forrest, con l’aiuto dell’amico Ned e dell’inseparabile corvo Tuck, organizza un’evasione rocambolesca dalla fortezza più temuta e sorvegliata d’Inghilterra…

Noi vi presentiamo più in dettaglio i personaggi del libro tramite l’acrostico dei loro nomi.

Sara, Giulia, Jacopo e Marco della IVC

Fortunato chi assisterà alla nostra rappresentazione, per gli altri ci sono alcune foto del nostro lavoro….

Iscrizioni on line 2013 / 2014

Abbiamo raccolto qui di seguito le informazioni e i riferimenti relativi alle iscrizioni scolastiche per l’anno scolastico 2013 / 2014. Le iscrizioni al primo anno della scuola elementare, media o superiore potranno essere presentate solo on line su www.iscrizioni.istruzione.it dal 21 gennaio al 28 febbraio 2013.

Come fare in sintesi

Dal 21 gennaio p.v., sono aperte le iscrizioni alle scuole di ogni ordine e grado per l’Anno scolastico 2013-2014 con importanti novità. Le iscrizioni, infatti, come da circolare n. 96/2012 del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, saranno online.

Ecco tutti i dettagli:

  • Date: le iscrizioni sono aperte dal 21 gennaio al 28 febbraio 2013
  • Modalità: la procedura deve essere espletata interamente online, nella sezione “Iscrizioni online” presente sul sito del Ministero (www.istruzione.it) previa registrazione della famiglia o direttamente al sito www.iscrizioni.istruzione.it.

Sarà cura del sistema “Iscrizioni on line” avvisare con una mail le famiglie circa l’avvenuta registrazione e inviare anche un codice di accesso per seguire in ogni momento l’iter della domanda.

IMPORTANTE: l’iscrizione online è obbligatoria per tutte le classi iniziali di corso ad esclusione della scuola dell’infanzia, delle scuole delle Province di Aosta, Trento e Bolzano, nonché di quelle in lingua slovena.

Il modulo finale compilato e inoltrato dalla famiglia, o dalla scuola per conto della famiglia, è indirizzato dal sistema direttamente alla scuola di destinazione. In seguito, il sistema comunicherà alle famiglie l’accettazione o il reinoltro della domanda ad altro istituto da loro indicato come preferito in subordine, fino a completamento della procedura di iscrizione.

Fonte: http://www.adiconsum.it/aree_tematiche/scuola/index.php?id=379&arg=46

Cerca la tua Scuola

Circolari e aggiornamenti dal MIUR

Rassegna stampa

 

Un libro sotto l’albero

Cari genitori,

nel farvi gli auguri di buone feste, vi invito alla lettura e alla riflessione dei seguenti articoli pubblicati dal Corriere della Sera e da La Repubblica, sulle modalità di lettura dei nostri bambini a seguito dei rilevamenti statistici dell’Iea, (International Association for the evaluation of educational achievement), l’Associazione internazionale per la valutazione del rendimento scolastico.

Mi sembra utile sottolineare l’importanza della promozione del libro e della lettura da parte della scuola e delle famiglie verso le nuove generazioni. La nostra scuola è da anni impegnata su questi temi, vedi per esempio:

  • L’iniziativa che si svolge ogni anno sulla lettura e sulla letteratura per l’infanzia svolta in collaborazione con il prof. Moretti, docente di Didattica della lettura presso l’Università Roma Tre, che come sapete vede le insegnanti impegnate nella lettura dei libri presentati.
  • L’adozione alternativa ai libri di testo nelle classi terze e quinte: ossia le insegnanti invece di adottare i libri scolastici elaborano una bibliografia ragionata di libri di qualità allo scopo di motivare i bambini alla lettura.
  • La presenza di biblioteche in ogni classe con attività ludiche e di riflessione critica sui libri letti.

Poichè durante le feste natalizie si è più disponibili a fare regali, non facciamo mancare un buon libro sotto l’albero, che risponda ai gusti dei vostri bambini e non ai vostri di adulti!

Molti auguri
Marialuisa Bagatella

Fuori Servizio

Cari genitori e caro personale didattico,

uso questa sede, perchè mi sembra quella più appropriata per raggiungervi tutti, allo scopo di comunicarvi che ho presentato oggi le mie dimissioni come membro della Commissione Mensa per l’anno scolastico in corso.

La mia decisione, non ha alcuna relazione con la qualità del servizio mensa, che, come continuo a verificare anche quest’anno, nonostante qualche allarmismo, sempre opportunamente verificato e sempre rientrato, da parte di alcuni genitori e nonostante qualche lamentela, solo verbale, riguardo specifici piatti, continuo a rivelare buona, sia nella qualità del servizio, sia nel gradimento generale da parte dei nostri bambini.

La mia esperienza si fonda su ispezioni settimanali a sorpresa (che quest’anno abbiamo di gran lunga intensificato per verificare tempestivamente i dubbi che ci sono pervenuti) nei plessi di Villa Sciarra materna e elementari e di Villa Muti.

In linea con la bella esperienza dello scorso anno, sento di aver cercato di fare del mio meglio per dare voce ai genitori (ma soprattutto ai bambini) nei confronti della società di refezione scolastica, che si è mostrata collaborativa e soprattutto, ha cercato, ogni qual volta fosse di sua competenza, di venire incontro ai bisogni degli alunni.

E’ con questo spirito di collaborazione, di dialogo e di sincerità, che mi sento in dovere di rassicurare, tutti i genitori sul servizio di refezione scolastica dei plessi che ho personalmente visitato più volte, verificando direttamente con l’assaggio, le pietanze di cui avevo avuto segnalazione.

Fortunatamente, non ho mai trovato, per la mia esperienza sino ad oggi, casi eclatanti di malfunzionamento, cattiva gestione, dubbia qualità di approvigionamento, di conservazione o di cottura degli alimenti. Non esiste la perfezione, naturalmente, e ci sono ampi margini di miglioramento, ma come mamma sono tranquilla che i miei bambini possano usufruire di un servizio di buona qualità.

Le mie dimissioni, nascono quindi, dalla presa di coscienza, che il mio compito, nell’ambito della vigilanza della refezione scolastica, si sia concluso.
Lascio il posto, a quel genitore, che probabilmente meglio di me, avrà voglia di toccare con mano il funzionamento e la gestione del servizio mensa e portare il suo personale ed unico contributo.

Credo sia importante infatti, che tutti i genitori, abbiano l’ opportunità di andare oltre la lamentela generica, la chiacchiera spontanea che ci si trova a scambiare fuori scuola. E invece di impegnarsi concretamente, come già tanti stanno facendo, per cercare di migliorare la vita dei nostri figli nella scuola. E quando dico nostri intendo tutti i figli, di tutti i plessi e di tutte le età.

Penso che questo sia un (lungo) momento sociale e politico delicatissimo, in cui la presenza di noi genitori nella scuola sia fondamentale per cercare di fare pressioni su chi di dovere e pretendere che siano risolti senza indugio i numerosi problemi e le insindacabili questioni di sicurezza che riguardano la nostra scuola.

Per questo, visto che il tempo e le energie che ho a disposizione, come per tutti, sono purtroppo di numero finito, credo sia opportuno per me concentrarle in ambiti in cui trovo io possa dare al meglio il mio piccolo contributo.

Mando quindi un saluto di commiato ai miei colleghi della commissione: Dominga D’Ambrosio, Fulvia Bartolomucci, Jlenia Timperi e Salvatore Calì. Saluto con particolare affetto le tre mamme, tre donne intelligenti, dolci, sensibili e concrete, a cui lascio, con la massima fiducia, il compito di proseguire nella loro scrupolosa vigilanza.

Mando inoltre un forte in bocca al lupo al genitore che mi sostituirà.
E auguro a tutti di poter fare meglio e di più, per il bene dei nostri figli e della loro scuola.

Auguri Presidente…

Ieri si è insediato il nuovo consiglio di Circolo. Sulla linea dei rapporti intercorsi con la nostra dirigente, in questi ultimi anni, non sono stato invitato a porgere i miei saluti quale presidente uscente. Fortunatamente, nonostante le resistenze iniziali e le battaglie che abbiamo dovuto fare, anche nel consiglio che ho avuto l’onore di presiedere, esiste questo sito che, molto democraticamente, mi permetterà di porgere i miei auguri e i dovuti ringraziamenti. Sono stati anni veramente difficili. Anni in cui ci siamo trovati a lottare contro una scuola: burocratizzata e ingessata da incompetenze a tutti i livelli. I tagli, le scarse risorse, la scarsa voglia di far emergere l’eccellenze del nostro istituto, le paure della nostra dirigenza, hanno reso vani gran parte degli sforzi che tutti abbiamo profuso: insegnanti, personale non docente e genitori. A questo nuovo consiglio, auguro: concretezza, forza e lungimiranza. Non conosco le insegnanti delle medie. Ma sono certo che sono un patrimonio dal quale non si vuole, ne si potrà prescindere. Le insegnanti che ho conosciuto e conosco sono di altissimo livello: morale e professionale. Ripartite da li. Sono certo che non polverizzerete il lavoro fatto sino ad oggi.

Grazie a tutte quelle persone che, non per diritto acquisito, non per forza, si sono prodigate all’interno del precedente Consiglio. A tutti quei volontari che hanno fornito il loro tempo, per cercare di rendere migliore la nostra scuola, per dare una educazione migliore ai nostri figli. Grazie a tutti voi. Vi porto nel cuore, e vi ringrazio per l’esperienza che mi avete fatto vivere.

Un ringraziamento particolare ed un augurio va a Marcello. Abbiamo condiviso tante cose, su altre eravamo meno d’accordo, ma ritengo che te sei il miglior Presidente a cui il nostro circolo potesse ambire. La tua competenza, la tua diplomazia, ed ora anche la tua esperienza, sono gli ingredienti per permetterti di far bene. In bocca al lupo, soprattutto a te.

Due parole di ringraziamente anche a Matteo. Non abbiamo proprio condiviso sempre tutto. Ci siamo anche scontrati con durezza a volte, ma ti rinnovo pubblicamente il mio ringraziamento per quanto hai fatto. Sei una risorsa preziosa per questa scuola. Continua così.

Grazie anche a tutti gli altri, genitori e insegnanti, con i quali ho condiviso momenti belli e anche brutti. Gioie, e angosce. Successi e anche fallimenti. Grazie soprattutto per avermi sopportato. So di non essere stato il miglior presidente di sempre, ma ce l’ho messa veramente tutta.

Tantissimi auguri di buon lavoro al nuovo Consiglio. Al contrario di quello che si pensa, o che si dice, avete una responsabilità enorme. Vi auguro di poter essere messi nella condizione di far bene.

Un abbraccio a tutti e, di cuore, grazie e buon lavoro.

Alessandro Di Giulio

Giornata internazionale dei diritti per l’infanzia

Cari Genitori,
mi ha fatto molto piacere oggi aprendo la posta elettronica leggere la vostra mail che ricorda la Giornata internazionale dei diritti per l’infanzia.

Ieri prima di andare a scuola sono passata in edicola e ho sfogliato alcuni quotidiani per trovare qualche notizia in merito all’argomento. Nulla, purtroppo! Non sarebbe stato così fuori luogo trovare una notizia visto quanto sta succedendo in questi giorni In Palestina, dove più di 28 bambini sono stati massacrati dai razzi israeliani.

Mi sarebbe piaciuto partire da un quotidiano per informarli sul significato della giornata. Comunque ho messo da parte quanto avevo previsto di fare con i miei alunni e ho scritto alla lavagna:

20 novembre. Giornata internazionale dei diritti per l’infanzia.

Ho chiesto ai bambini il significato di quelle parole e tra un’idea e un’altra siamo arrivati all’informazione. Abbiamo visto il cartone animato Sulle ali dei gabbiani, ispirato ad un libro di B. Pitzorno e curato dall’Unicef, che mette in evidenza con linguaggi appropriati alcuni temi relativi ai diritti dell’infanzia.

Perché è importante che i bambini conoscano i loro diritti? Ci sono molte risposte a questa domanda tuttavia penso che la consapevolezza dei propri diritti rafforzi l’identità e la consapevolezza di se stessi, ciò li aiuta a crescere meglio, più responsabili e più felici.

Perché tanta disattenzione nella nostra società sui diritti dell’infanzia? Anche questa è una domanda con molte risposte, ma le seguenti parole tratte dal sito Hamelin, (Associazione culturale che si occupa di letteratura per l’infanzia), mi sembrano appropriate:

Ha qualcosa di gattopardesco l’atteggiamento che come società abbiamo verso l’infanzia, una sorta di mettere i bambini dappertutto per non metterne nessuno da nessuna parte, con i riflettori puntati su un enorme bambino di cartapesta.
Il kid marketing è uno dei pochissimi settori di mercato che non conosce crisi, un affare colossale in costante ascesa, i ragazzini sono i testimonial ideali per qualsiasi prodotto, imperversano sulle pagine pubblicitarie dei magazine femminili e sono la chiave più diretta per il successo in tanti campi…

Attenzione, quindi, di bambini si parla, ma come oggetti di consumo e non come soggetti portatori di diritti! Anche questo è un modo per non rispettare i diritti dell’infanzia che noi adulti dovremmo tutelare, garantendo ai bambini e alle bambine una crescita serena ed equilibrata in una società che destina risorse e spazi idonei per loro, scuole pubbliche attrezzate che garantiscano realmente uguaglianza di opportunità formative.

L’importante è partecipare

E’ nato l’Istituto Comprensivo del II Circolo Didattico di Frascati!

Questo ha portato una ventata di novità che ci coinvolge tutti, dalla dirigente al suo staff amministrativo, dal corpo insegnante ai collaboratori scolastici, dagli alunni ai genitori.

Sì, i genitori che:

  • sono stati chiamati, come ogni anno, ad eleggere i rappresentanti di classe, risorsa importantissima per mantenere i rapporti tra insegnati e genitori; nella mia esperienza di genitore di Villa Sciarra posso dire di aver sempre respirato un’aria bellissima tra il corpo insegnante, gli alunni e i genitori. Atmosfera allegra, creativa, costruttiva, formativa e stimolante; atmosfera, a volte, minata da piccoli e grandi offuscamenti, sapientemente gestiti da tutta la comunità;

  • sono ora chiamati, il 18 e 19 novembre, ad eleggere i nuovi rappresentanti al Consiglio d’Istituto, organo importante in quanto sede di scelte formative ed organizzative del II c.d., che ora includerà anche le medie, realtà complessa, ma stimolante.

Sì, i genitori che:

  • sono, di diritto, parte del Comitato dei genitori, come da statuto; Comitato che ha come scopo principale quello di migliorare la comunicazione tra le Istituzioni, in particolare tra la Dirigenza, l’Amministrazione locale e i genitori; inoltre il Comitato si fa portavoce di piccoli e grandi problemi della comunità scolastica, problemi soprattutto di tipo strutturale e organizzativo; il Comitato, inoltre, partecipa attivamente con il corpo insegnante all’allestimento delle iniziative promosse dalla scuola stessa.

Il Comitato è formato da tutti noi e tutti noi saremo chiamati ad eleggerne il Consiglio.

Le votazioni si svolgeranno contestualmente alle elezioni dei rappresentanti al Consiglio d’Istituto.

Come già detto, il Comitato è formato da tutti noi e stabilisce un dialogo tra tutti i genitori attraverso la mailing list del sito scuolattivamente.org.

Vi invito ad iscrivervi alla mailing list per PARTECIPARE in maniera critica, propositiva, costruttiva, e fattiva alla risoluzione dei vari temi posti dai genitori stessi.

Partecipare alla vita democratica della scuola è una RISORSA importante per il futuro della nostra Comunità.

Una bella sorpresa

Parliamo ogni giorno di cosa non va nella scuola, dei tagli a risorse umane e a strumenti di crescita educativa che mettono in pericolo il diritto allo studio dei nostri figli.

Vorrei parlarvi, invece, di come l’Istituto Comprensivo di Frascati sia oramai una bella realtà!

Ci eravamo lasciati a giugno con dubbi e paure per il destino dell’Istituto Tino Buazzelli, plesso Via d’Azeglio, con una migrazione di docenti verso altri Istituti, con la possibilità di perdere la sezione musicale, con l’impressione che il nostro Istituto fosse condannato a diventare una scuola di “seconda categoria”.

A settembre sono iniziate regolarmente le lezioni ed abbiamo trovato un corpo docente al completo, la sezione musicale ancora attiva, un Piano dell’Offerta Formativa (POF) arricchito con nuovi progetti come il coro, il laboratorio artistico, il potenziamento delle lingue comunitarie con l’introduzione del tedesco, nuovi sport all’interno del Centro Sportivo.

Dimostrando passione, competenza e professionalità, i pochi insegnanti “storici” del plesso, insieme al nuovo dirigente scolastico, hanno di fatto “ricostruito” l’organizzazione scolastica lavorando duramente, rimettendosi in gioco hanno dato fondo a tutta la loro esperienza, trainando i nuovi docenti nominati e formando con loro un team efficiente e produttivo.

Grazie per questa “bella sorpresa”.

Un altro anno è passato…

Sarà che sto invecchiando, ma ogni anno che passa, ogni cosa che finisce mi fa scattare immediatamente la voglia di fare un bilancio. Ovviamente non essendo impazzito, e riferendomi al calendario Gregoriano, l’anno a cui faccio riferimento è quello scolastico. Chi mi conosce sa che, in ogni cosa che decido di fare,  metto sempre tutto me stesso; metto sempre tutta la passione di cui sono capace, a volte anche troppa.

Non mi ha mai spaventato lavorare, neanche lavorare tanto. Sono abituato. Ma sono anche una persona che ama vedere i risultati. Penso che la benzina che muove ognuno di noi sia, principalmente, il vedere la concretizzazione di un progetto, un percorso. Purtroppo questa esperienza a contatto con le istituzioni, mi lascia con un grosso rammarico. Quando ci penso ho un peso sullo stomaco, un nodo alla gola. Non sono riuscito a concretizzare neanche un terzo di quello che avevo in mente.

Ho sempre pensato che il contributo di persone motivate potesse essere di stimolo e di sprono ad altri. Insieme agli altri genitori del consiglio di circolo abbiamo lottato come matti, ma contro le istituzioni, che sono li da secoli, non si vince. Questa è la triste verità. Abbiamo dovuto combattere una mentalità obsoleta, e reticente; abbiamo dovuto discutere dell’ovvio perdendo tempo su temi che, in uno stato moderno (in una scuola moderna), dovevano essere superati 15 anni fa; ci siamo dovuti scontrare contro chi pensa che la scuola sia un feudo, e non la fabbrica delle menti di domani; caricarci sulle spalle chi pensa che la collaborazione abbia sempre un secondo fine. Questo continuo logorio, mi ha letteralmente sfiancato, e sinceramente sfiduciato.

Come in tutte le cose però, esiste anche un lato positivo. Esiste quell’ambito in cui si fanno delle belle conoscenze. In cui riesci a comprendere di quanta professionalità e quanta capacità inespressa possa esistere nelle persone. E allora valorizzi e comprendi tutto quel lavoro che fanno le insegnanti, tra mille difficoltà. E di come da un deserto che c’è intorno a loro, riescono a far crescere dei fiori, i nostri ragazzi. Ti accorgi di persone, di genitori fantastici, che per un bene comune: la scuola; lottano, s’impegnano, s’incazzano, fanno notte fonda davanti al pc per creare un sito (più fruibile di quello che la pubblica amministrazione dovrebbe mettere a disposizione), oppure passano mattinate a rispondere alle mille email che arrivano, sui problemi più disparati. E tutto questo non solo per amore dei propri figli, ma anche, e soprattutto, per quel senso civico che ognuno di noi dovrebbe avere.

Non è un segreto poi che reputo la verticalizzazione, e voglio che sia chiaro, un fatto non positivo per i nostri figli, ma solo un modo di applicare un ulteriore taglio alla scuola. Voglio voler pensare che questa rivoluzione, almeno inizialmente, sia stata pensata cercando di voler arrivare ad un modello di scuola moderna. Tra i progetti e la loro applicazione di mezzo c’è il mare. Gestendo come si sta gestendo questo delicatissimo passaggio, a tutti i livelli, non riesco a pensare a quale risultato si potrà avere. La modalità con cui si sta procedendo, soprattutto da parte del Ministero, è quella della navigazione a vista nella nebbia più fitta circondati da iceberg. Spero proprio che si riesca a portare la nave in porto.

Mi vorrei congedare da questi due anni di fatiche soltanto ringraziando tutti quelli con i quali ho avuto modo di lavorare, tutti quelli con cui ho sorriso, e con i quali mi sono arrabbiato, nessuno escluso. Mi auguro, con tutto il cuore, che chi verrà dopo di me, dopo di noi, in un momento così particolare: sia dal punto di vista sociale, che per la trasformazione che il nostro circolo sta subendo, riesca a dare quella forza propulsiva che occorre per fare bene. Buon lavoro…